Prima di coricarvi

Fatevi preparare dal vostro erborista questa miscela di erbe:
Spirea ulmaria 20g, Orthosiphon 20g, Equiseto 20g, Tarassaco 10g, Curcuma 10g, Verga d’oro 20g, Liquirizia 10g, Menta 10.
Due cucchiaini di questa miscela in infusione in una tazza di acqua bollente, per 15 minuti, filtrate e bevete. Questa tisana dev’essere accompagnata da una compressa di magnesio, poichè si presenterà una diuresi più  abbondante. Assumete una tisana di erbe tutte le sere.
La sua azione depurativa spazza vie le scorie che ristagnano a livello intracellulare. Le scorie vengono smaltite attraverso i reni, compiendo così
una depurazione profonda e un drenaggio dei liquidi in eccesso.

Il Magnesio

Agisce nei processi di regolazione degli scambi a livello dei tessuti, elimina i ristagni di liquidi, allevia i dolori mestruali e regolarizza il ciclo. Migliora l’assorbimento del calcio e previene l’osteoporosi. Acquistate in farmacia delle compresse di magnesio chelato e assumetene due insieme alla tisana delle otto erbe. Se soffrite di pressione bassa, non preoccupatevi dell’associazione tisana e magnesio: quest’ultimo non  elimina le scorte di potassio, evitando cosi i cali di pressione e la stanchezza che spesso accompagnano l’assunzione di diuretici. Il magnesio elimina inoltre i crampi per chi ne soffre.

Il Bagno

Il bagno serale è un’occasione straordinaria per sciogliere le adiposità localizzate, specialmente nei fianchi, glutei e pancia.
Una precauzione è che la temperatura non deve superare i 34 gradi, una temperatura elevata potrebbe favorire la dilatazione dei vasi, accentuando l’insufficienza circolatoria.
Acquistare in farmacia o in erboristeria: Alga Fucus, olio essenziale di ginepro e di cipresso.
Mettete in infusione per 15 minuti 2 cucchiai di alga fucus in due tazze di acqua bollente, al termine dell’infusione filtrate.
All’infuso così preparato aggiungete 20 gocce di olio essenziale di ginepro e 20 di cipresso.
Miscelate bene e tenete da parte il composto ottenuto.
Riempite la vasca da bagno per tre quarti e sciogliete 4 cucchiai di sale marino.
Mettetevi in piedi  nella vasca, intingete nell’infuso una spugna e passatela sui cuscinetti, strizzandola man, mano in modo che l’infuso si mescoli con l’acqua della vasca.
Quando l’infuso è finito, immergetevi per 15 minuti.
Nell’acqua del bagno il ginepro e il cipresso stimoleranno la circolazione e la riduzione dei cuscinetti di grasso.
È necessario stimolare la microcircolazione in maniera adeguata, così da ottenere più ossigeno nei tessuti, permettendo di ridurre l’infiammazione locale e ridurre i depositi di grasso sottocutaneo.

Il massaggio per eliminare la cellulite

In due cucchiai di olio di jojoba sciogliete due gocce di essenza di cipresso, 2 di betulla, 2 di ginepro.
Massaggiate su fianchi, glutei e cosce fino al completo assorbimento.
Il massaggio deve partire dal basso verso l’alto, cioè dalla caviglia all’ attaccatura della coscia; sui cuscinetti massaggiate in senso circolare.  Per rendere più efficace il massaggio, precediamolo con la “crioterapia” fatta in casa, il contatto con il freddo porta i capillari in superficie, facilitandone l’assorbimento dei principi attivi degli oli essenziali.

Occorre preparare un infuso di betulla, equiseto (o coda cavallina) e menta, miscelate in parti uguali; un cucchiaino di miscela in una tazza d’acqua bollente, aggiungete 100 gocce di tintura madre di fucus e due cucchiaini di sale iodato, quest’ultimo deve essere ben sciolto nell’infuso. Una volta raffreddato, in freezer a gelare, negli stampi per cubetti di ghiaccio. Prima di fare il massaggio con gli oli essenziali prendete un cubetto di ghiaccio,  ed effettuate il massaggio sulle zone critiche finché si scioglie; la cellulite cosi sparirà più in fretta. Il mattino dopo, noterete la pelle più elastica e più soda.

Dopo una settimana le gambe si presenteranno più leggere e sgonfie, la ritenzione idrica sarà notevolmente ridotta.
Dopo due settimane i cuscinetti inizieranno a ridursi di volume, e la vostra linea migliorera. Dopo tre settimane la buccia d’arancia sarà notevolmente attenuata se non sparita.
Dopo quattro settimane l’epidermide sarà tonico, compatto e i cuscinetti saranno appiattiti. La circonferenza di cosce e fianchi saranno diminuiti di qualche centimetro e le caviglie sgonfie e più sottili.

Sarebbe opportuno ripetere le quattro operazioni per tutto il mese e tutti i giorni.